Equa riparazione: un emendamento alla legge di bilancio 2018 prevede la proroga dei termini al 31 dicembre 2018 2


Il Governo, con un emendamento al ddl Legge bilancio 2018 (art. 101 bis), ha prorogato i termini previsti da alcune norme di legge, tra queste quella che disciplina la liquidazione dell’equa riparazione per i danneggiati da sangue infetto o da vaccinazioni obbligatorie (legge 114/2014).

Questo l’attuale testo dell’articolo contenuto nel suddetto emendamento:

Nelle materie di interesse del Ministero della salute, sono disposte le seguenti proroghe di termini: a)         All’articolo 27-bis, comma I, terzo periodo, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, in materia di liquidazione di importi per soggetti danneggiati da trasfusione con sangue infetto, o emoderivati infetti o vaccinazioni obbligatorie, le parole: “entro il 31 dicembre 2017” sono sostituite dalle seguenti: “entro il 31 dicembre 2018”.

Trattandosi di un emendamento, ovvero di una norma non ancora entrata in vigore, rinviamo qualsiasi commento in merito all’eventuale approvazione della proposta del Governo.

 

Alberto Cappellaro e Sabrina Cestari

Se ti e' piaciuto l'articolo condividilo su Facebook cliccando il pulsante qui sotto.

2 commenti su “Equa riparazione: un emendamento alla legge di bilancio 2018 prevede la proroga dei termini al 31 dicembre 2018

  • Giuseppe

    Egr. Avv. Cappellaro nell’emendamento alla legge di bilancio 2018 non parla di eventuale proroga se ciò vale anche per l’accettazione dell’equa ripartizione dopo il 31/12/17.
    Ci sono notizie o chiarimenti in tal senso? Grazie mille, saluti

    • Alberto Cappellaro L'autore dell'articolo

      @ giuseppe
      la lettera dell’emendamento attualmente all’esame del parlamento non si esprime né in un senso né nell’altro, un giudice potrebbe pertanto ritenere nei termini, così come fuori termine, una adesione all’equa riparazione pervenuta dopo il 31 dicembre 2017.
      cordiali saluti.
      alberto cappellaro

I commenti sono chiusi.