Transazioni: aggiornamento preavvisi di rigetto


 

 

Il 23 luglio 2103 mi sono stati notificati altri due preavvisi di rigetto, per un totale, sino ad oggi, di settanta preavvisi.

Entrambi i clienti, eredi di danneggiati deceduti, sono stati esclusi per il mancato rispetto del termine di 5 anni previsto dall’art. 5, comma 1, lett. a) del decreto moduli, senza tener conto, innanzi tutto, che gli stessi avevano agito domandando danni propri, danni per i quali lo stesso art. 5 comma 1 lett. b) del decreto prevede un termine prescrizionale decennale, inoltre che nei relativi giudizi risarcitori la prescrizione non è stata eccepita.

Il Ministero, quindi, pare orientato a non applicare una norma contenuta in un provvedimento che l’ente stesso ha emanato.

Una dei due clienti, coniuge di un emofilico deceduto, è stata esclusa anche per un contagio anteriore al 24 luglio 1978, nonostante il marito fosse stato sottoposto a plurime emotrasfusioni, alcune posteriori alla data sopra indicata.

Pare evidente, a quest’ultimo proposito, che le recenti sentenze del TAR Lazio, che hanno dichiarato illegittimo l’art. 5 comma 2 del decreto moduli, non abbiano per l’Amministrazione alcun rilievo.

Il testo delle comunicazioni è identico a quelle già postate in passato.

L’ultima PEC ricevuta porta come protocollo il numero 5565 del 23 luglio 2013.

(aggiornamento al 26 luglio 2013)

Alberto Cappellaro

 

 

 

Se ti e' piaciuto l'articolo condividilo su Facebook cliccando il pulsante qui sotto.