Il contagiato a causa della dialisi non ha diritto all’indennizzo


Con sentenza n. 17975 dell’1 luglio 2008 la sezione lavoro della Corte di cassazione ha stabilito che l’indennizzo previsto dalla legge 210/92 non spetta all’emodializzato che ha contratto l’epatite C durante la dialisi.
Secondo la Corte trasfusione e dialisi sono due cose diverse.
La trasfusione consiste infatti nel passaggio di sangue da una persona a un’altra, direttamente ovvero previa raccolta e conservazione del sangue, con successiva somministrazione dello stesso o di un suo derivato.
La dialisi consiste invece nell’iniezione di sangue prelevato dallo stesso donatore (l’emodializzato): fatto quindi non regolamentato dalla legge 210/92, che indennizza i contagi provocati da virus trasmessi al danneggiato con il sangue di altre persone.
Può naturalmente accadere che la macchina destinata a “ripulire” il sangue dell’emodializzato sia sporca per sostanze lasciate da altro paziente: in questo caso, secondo la Corte, il dializzato potrà chiedere il risarcimento del danno all’ospedale dove è stata effettuata la dialisi, ma non l’indennizzo.
Sorprendentemente, la Corte nella propria decisione non ha tenuto conto di quanto previsto nelle Linee guida interregionali sulla legge 210/92, approvate dalla conferenza Stato-Regioni l’1 agosto 2002, nelle quali si afferma testualmente che tra i beneficiari dell’indennizzo rientrano “le persone contagiate da virus HIV o da epatiti con danni irreversibili a seguito di somministrazione di sangue e suoi derivati sia periodica (esempio: emofiliaci, talassemici) che occasionale (esempio: interventi chirurgici, emodialisi)”.
Non si può quindi che concordare con la Corte, quando afferma che si tratti di una materia (e quindi di una decisione) opinabile.

Alberto Cappellaro

Se ti e' piaciuto l'articolo condividilo su Facebook cliccando il pulsante qui sotto.