Risarcimento: la Cassazione conferma la responsabilità del Ministero della salute anche per contagi anteriori al 1978 2


Con tre recenti pronunce la Suprema Corte ha ribadito che il Ministero della salute può essere condannato a risarcire i danni conseguenti a contagi da sangue infetto anche qualora il contagio sia precedente al 1978.

Con ordinanza n. 22416/2017 la Corte ha stabilito che “in caso di patologie conseguenti ad infezione da virus HBV, HIV e HCV, contratte a seguito di emotrasfusioni o di somministrazione di emoderivati, non sussistono eventi autonomi e diversi ma solo manifestazioni patogene dello stesso evento lesivo, sicché anche prima dell’anno 1978, in cui il virus dell’epatite B fu definitivamente identificato in sede scientifica, con conseguente scoperta dei mezzi di prevenibilità delle relative infezioni, è configurabile la responsabilità del Ministero della salute per l’omissione dei controlli in materia di raccolta e distribuzione del sangue per uso terapeutico e sull’idoneità dello stesso ad essere oggetto di trasfusione, già consentiti dalle conoscenze mediche e dai dati scientifici del tempo”.

Con ordinanze n. 22832/2017 e n. 22833/2017 la Cassazione ha confermato che “già a partire dalla data di conoscenza del rischio del contagio dell’epatite B, comunque risalente ad epoca precedente al 1978 (anno in cui questo virus fu definitivamente identificato in sede scientifica), sussiste la responsabilità del Ministero della salute, che era tenuto a vigilare sulla sicurezza del sangue e ad adottare le misure necessarie per evitare i rischi per la salute umana, anche per il contagio degli altri due virus (cfr. Cass., 29/8/2011, n. 17685 con cui è stata cassata la sentenza impugnata che aveva escluso la responsabilità del Ministero della salute per i danni provocati dal contagio dell’epatite C in occasione di trasfusioni di sangue infetto eseguite nell’anno 1973). Pertanto, l’obbligo di controllo gravante sul Ministero non può non ritenersi operante anche anteriormente alle … date di conoscenza dei singoli virus in quanto volto a garantire che il sangue utilizzato per le trasfusioni o per gli emoderivati fosse esente da virus e che i donatori non presentassero alterazione delle transaminasi, in adempimento di obblighi specifici posti dalle fonti normative speciali in materia (Sez. 6 – L, 04/02/2016 n. 2232 Rv. 638719 – 01)”.

 

Alberto Cappellaro e Sabrina Cestari

Se ti e' piaciuto l'articolo condividilo su Facebook cliccando il pulsante qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Risarcimento: la Cassazione conferma la responsabilità del Ministero della salute anche per contagi anteriori al 1978

  • Alain F.

    Buongiorno Avvocato,
    una notizia di ieri sul Messaggero, riferisce di una “storica” sentenza che introduce una innovazione dal punto di vista giuridico in materia di danno da trasfusioni. Tale sentenza del Tribunale di Roma, “accogliendo la tesi del ricorrente dispone che l’importo degli interessi legali deve essere calcolato dal tempo delle trasfusioni e non da quello che la prassi giudiziaria italiana fissa nella manifestazione del danno”.
    Desidero conoscere il Suo qualificato punto di vista.
    Grazie

    • Alberto Cappellaro L'autore dell'articolo

      @ alain
      non ho ancora letto la sentenza, in ogni caso posso confermarle che la maggior parte delle sentenze calcolano gli interessi dalla manifestazione del danno e non dalla data del contagio, questo perché gli interessi rimborsano per il tardivo pagamento della somma dovuta e pare quindi preferibile non calcolare il ristoro a decorrere da un momento nel quale l’interessato, pur malato, non aveva ancora consapevolezza del danno, che non si era ancora manifestato.
      entrambe le tesi possono essere sostenibili ma quella più applicata, ovvero il calcolo degli interessi dalla data di consapevolezza del danno, credo che continuerà ad essere prevalente.
      cordiali saluti.
      alberto cappellaro