Rivalutazione: la sentenza di Strasburgo è definitiva


 

Lo Stato Italiano non ha impugnato nei termini la sentenza della Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo del 3 settembre scorso, pronuncia che è pertanto divenuta definitiva.

A questo punto il Governo dovrà, entro il 3 giugno 2014, comunicare alla Corte il termine finale entro il quale pagherà la rivalutazione dell’indennizzo “ad ogni persona che beneficia dell’indennità prevista dalla L. 25/2/92 n. 210, a partire dal momento in cui è stata riconosciuta a quest’ultima, indipendentemente dal fatto che l’interessato abbia o meno avviato una procedura volta ad ottenere tale indennità“. 



Alberto Cappellaro

Se ti e' piaciuto l'articolo condividilo su Facebook cliccando il pulsante qui sotto.