Rivalutazione: il Ministero si arrende?


 

Come è noto, successivamente al deposito della sentenza n. 293/11 della Corte costituzionale il Ministero della salute si è difeso in giudizio sostenendo che, nonostante la Consulta avesse dichiarato illegittima la norma interpretativa che negava la rivalutazione integrale, quest’ultima potesse riconoscersi solo a decorrere dall’entrata in vigore della legge 244/07, che contiene la disposizione che la Corte ha utilizzato come tertium comparationis per eliminare dall’ordinamento l’art. 11, commi 13 e 14, del decreto legge 78/10.

In altre parole, secondo questa tesi gli arretrati della rivalutazione sarebbero dovuti solo con riferimento ai ratei maturati dall’1 gennaio 2008.

Questa interpretazione, priva di qualsiasi fondamento logico-giuridico, è stata disattesa dalla Corte di cassazione con ordinanza n. 10769 del 27 giugno 2012.

Preso atto di quanto deciso dalla Suprema Corte, con circolare n. 48/2012, firmata dall’Avvocato generale dello Stato e pubblicata sulla Rassegna dell’Avvocatura dello Stato n. 2/2012, pag. 38, si rileva come sarebbe opportuno evitare di continuare a sostenere la predetta tesi in sede processuale, “omettendo di proporre impugnazioni sul punto o, ove possibile, rinunciando a quelle già proposte, ove siano state l’unico motivo di gravame“.

Ringrazio il Collega Antonio Lo Russo per la segnalazione.

Alberto Cappellaro

Se ti e' piaciuto l'articolo condividilo su Facebook cliccando il pulsante qui sotto.