Vaccini: anche Ravenna conferma che la base di calcolo dell’indennizzo ex lege 229/2005 è costituita dall’indennizzo ex lege 210/1992 rivalutato per intero 2


Con sentenza n. 34/2017, depositata il 10 febbraio 2017 e passata in giudicato, il Tribunale di Ravenna – sezione lavoro ha confermato che la base di calcolo dell’indennizzo ex lege 229/2005 è costituita dall’indennizzo ex lege 210/1992 rivalutato per intero.

Invero, “con riferimento alle modalità di calcolo dell’indennizzo previsto dall’art. 1 l. 229/2005, l’indennizzo di cui all’art. 2 L. 210/1992 in esso richiamato, ne costituisce la base di calcolo: è indubbio, pertanto, che la base di calcolo, individuata ai sensi dell’art. 2 L. 210/1992, vada interamente rivalutata in base al tasso di inflazione programmato in ogni sua componente per l’anno 2005 (entrata in vigore della legge) e su tale base va, poi, applicato il moltiplicatore previsto dall’art. 1 L. 229/2005. L’importo così determinato è poi soggetto a rivalutazione annua in base agli indici istat”.

Aggiunge il Tribunale che “tale modalità di calcolo va applicata anche con riferimento all’indennizzo riconosciuto ai ricorrenti in ragione del comma 3 dell’art. 1 l. 229/2005”, beneficio richiesto in conseguenza del decesso del danneggiato.

In applicazione dei principi sopra richiamati il Tribunale ha condannato il Ministero della salute a corrispondere ai nostri clienti la complessiva somma di 89.596,52 euro ai sensi dell’art. 1 legge 229/2005, nonché di ulteriori 10.672,02 euro ai sensi del comma 3 della norma sopra citata.

 

Alberto Cappellaro e Sabrina Cestari

Se ti e' piaciuto l'articolo condividilo su Facebook cliccando il pulsante qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Vaccini: anche Ravenna conferma che la base di calcolo dell’indennizzo ex lege 229/2005 è costituita dall’indennizzo ex lege 210/1992 rivalutato per intero

  • Angela

    sarebbe interessante leggere le sentenze, sono una collega del Foro di Verona che diverse volte ho chiesto le sentenze per confrontarmi sulla materia, però senza alcun utile esito.
    Io mi occupo di sanità mi sono occipata di malattie rare e sono stata sempre molto disponibile con i colleghi che mi hanno chiesto le sentenze di tutti i tribunali d’Italia, ricerche ed atti.

    I miei saluti.

    Angela Sivilli

    • Alberto Cappellaro L'autore dell'articolo

      @ angela sivilli
      sono sorpreso del suo messaggio pubblico, questa mattina, venerdi 7 febbraio, ho riscontrato tempestivamente una sua odierna mail, comunicandole che le avrei inviato la sentenza alla quale era interessata lunedì prossimo, al mio rientro in studio, studio dal quale mi sono assentato subito dopo averle risposto per gravi problemi familiari.
      la politica mia e della collega cestari, del resto, è sempre stata quella di trasmettere ai colleghi le sentenze richiesteci, previa omissione dei dati personali ivi indicati.
      cordiali saluti
      alberto cappellaro